Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Mortalità nei pazienti con epilessia ad esordio tardivo: Atherosclerosis Risk in Communities Study


È stato determinato il rischio di mortalità e le cause di morte nelle persone con epilessia a esordio tardivo ( LOE ) rispetto a quelle senza epilessia in un campione basato sulla comunità, aggiustando per i dati demografici e le condizioni di comorbilità.

È stata condotta un'analisi dell’Atherosclerosis Risk in Communities study, avviato nel 1987-1989 tra 15.792 uomini e donne per lo più neri e bianchi in 4 comunità degli Stati Uniti.
Sono stati utilizzati i dati dei Centers for Medicare & Medicaid Services per identificare i casi di epilessia incidente a partire dall'età di 67 anni.

Le analisi hanno incluso 9.090 partecipanti, di cui 678 hanno sviluppato epilessia a esordio tardivo durante una mediana di 11.5 anni di follow-up dopo i 67 anni di età.

I partecipanti che hanno sviluppato epilessia a esordio tardivo erano a maggior rischio di mortalità, con hazard ratio aggiustato ( aHR ) di 2.39.

È stato osservato un eccesso di mortalità a causa di ictus, demenza, condizioni neurologiche e malattia renale allo stadio terminale nei partecipanti con rispetto a quelli senza epilessia a esordio tardivo.
Solo 4 decessi ( 1.1% ) sono stati direttamente attribuiti a cause legate alle convulsioni.

Le persone che sviluppano epilessia a esordio tardivo sono ad aumentato rischio di morte rispetto a quelle senza epilessia, anche dopo aggiustamento per le comorbilità.
La maggior parte di questa mortalità in eccesso è dovuta a ictus e demenza. ( Xagena2021 )

Johnson EL et al, Neurology 2021; 97: e1132-e1140

Neuro2021



Indietro