Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il trattamento addizionale con Perampanel migliora il controllo delle crisi parziali, soprattutto nei soggetti con crisi secondarie generalizzate al basale


Il Perampanel ( Fycompa ) è un antagonista non-competitivo dei recettori AMPA, che trova indicazione come coadiuvante per il trattamento delle crisi parziali.
Negli studi clinici di fase III, condotti su pazienti con crisi parziali con o senza crisi secondaria generalizzata, il Perampanel era risultato ben tollerato e associato a un effetto positivo sulla frequenza delle crisi quando usato in modo concomitante con un massimo di 3 farmaci antiepilettici fino a 2 anni.

Un nuovo studio ha valutato l’effetto sulle crisi convulsive nei pazienti trattati con Perapanel per lungo periodo ( 3 o 4 anni ).

Un totale di 1218 pazienti degli studi di fase III, in doppio cieco, erano stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo oppure Perampanel 2, 4, 8, o 12 mg al giorno.
I partecipanti potevano poi entrare a far parte di uno studio di estensione, in aperto, che consisteva di un periodo di 16 settimane di conversione, in cieco, e di una fase di mantenimento a lungo termine, in aperto.
I pazienti hanno continuato ad assumere il dosaggio stabilito di Perampanel; tuttavia, quelli trattati con placebo o in trattamento con Perampanel a un dosaggio inferiore di 12 mg/die sono stati titolati a 12 mg/die oppure fino alla dose massima tollerata.

Il 73.5% dei partecipanti al Safety Analysis Set ( n=894 ) ha ricevuto Perampanel per almeno 1 anno, il 56% ( n=681 ) ha ricevuto Perampanel per almeno 2 anni, il 35.9% ( n=436 ) ha ricevuto il trattamento per almeno 3 anni, e il 6.4% ( n=78 ) ha ricevuto il trattamento per almeno 4 anni.
La maggior parte dei partecipanti stava assumendo, al basale, in modo concomitante, 2 o 3 farmaci antiepilettici.

L’analisi ha rivelato un miglioramento degli esiti delle crisi epilettiche a lungo termine nella popolazione generale, con un miglioramento delle crisi sostenuto per 4 anni.
Tra i partecipanti che presentavano al basale crisi secondarie generalizzate, la riduzione percentuale media di convulsioni durante l'ultimo anno di trattamento con Perampanel è stata del 46.7%, 57.1%, 61.8%, e 68.9% per i soggetti che hanno assunto il farmaco, rispettivamente, per almeno 1, 2, 3 o 4 anni.
I corrispondenti tassi di risposta sono stati: 47.4%, 54.4%, 59.5% e 64.3%.

I partecipanti che non presentavano crisi secondarie generalizzate al basale, ma che hanno manifestato crisi secondarie generalizzate durante la terapia con Perampanel sono stati esclusi dall'analisi.

E’stato riscontrato almeno 1 evento avverso correlato al trattamento riportato dal 92.9% dei partecipanti durante tutto il periodo di trattamento; la maggior parte erano considerati di lieve o moderata entità.
Almeno il 10% dei partecipanti ha riportato capogiri, sonnolenza, mal di testa, stanchezza, aumento di peso, irritabilità, e nasofaringite.
Gli eventi avversi gravi sono stati riportati dal 23.7% dei partecipanti, con i più comuni correlati all'epilessia ( ad esempio, convulsioni, stato epilettico, epilessia, crisi di grande male, ecc ).
Un totale del 19% dei partecipanti ha interrotto il trattamento durante il periodo di 4 anni a causa di eventi avversi.

Dallo studio è emerso che il trattamento aggiuntivo a lungo termine con Perampanel è risultato ben tollerato e associato a miglioramento del controllo delle crisi, in particolare nei soggetti con crisi secondarie generalizzate al basale. ( Xagena2016 )

Fonte: American Academy of Neurology ( AAN ) Meeting, 2016

Neuro2016 Farma2016


Indietro