Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Cambiamenti nella frequenza delle crisi e nella terapia antiepilettica durante la gravidanza


Tra le donne con epilessia, gli studi sui cambiamenti nella frequenza delle crisi durante la gravidanza sono stati limitati dalla mancanza di un gruppo di confronto appropriato di donne non-incinte per fornire dati sul decorso naturale della frequenza delle crisi in entrambi i gruppi.

In uno studio di coorte prospettico, osservazionale e multicentrico, è stata confrontata la frequenza delle crisi durante la gravidanza attraverso il periodo peripartum ( le prime 6 settimane dopo la nascita ) ( epoca 1 ) con la frequenza durante il periodo postpartum ( i successivi 7.5 mesi dopo la gravidanza ) ( epoca 2 ).

Donne non-gravide con epilessia sono state arruolate come controlli e hanno avuto un follow-up simile durante un periodo di 18 mesi.

L'esito primario era la percentuale di donne che avevano una maggiore frequenza di crisi epilettiche che alteravano la consapevolezza durante l'epoca 1 rispetto all'epoca 2.

Sono stati confrontati anche i cambiamenti nelle dosi di farmaci antiepilettici somministrati nei due gruppi durante i primi 9 mesi dell'epoca 1.

Sono state arruolate 351 donne incinte e 109 controlli con epilessia. Tra le 299 donne in gravidanza e i 93 controlli che avevano una storia di convulsioni con compromissione della consapevolezza e che avevano dati disponibili per le due epoche, la frequenza delle crisi è stata più alta durante l'epoca 1 rispetto all'epoca 2 in 70 donne incinte ( 23% ) e in 23 controlli ( 25% ) ( odds ratio, OR=0.93 ).

Durante la gravidanza, la dose di un farmaco antiepilettico è stata modificata almeno una volta nel 74% delle donne in gravidanza e nel 31% dei controlli ( OR=6.36 ).

Tra le donne con epilessia, la percentuale che ha avuto una maggiore incidenza di convulsioni durante la gravidanza rispetto al periodo postpartum è stata simile a quella delle donne che non erano gravide durante le epoche corrispondenti.

Cambiamenti nelle dosi dei farmaci antiepilettici si sono verificati più frequentemente nelle donne in gravidanza rispetto alle donne non-incinte durante periodi di tempo simili. ( Xagena2020 )

Pennell PB et al, N Engl J Med 2020; 383: 2547-2556

Neuro2020 Gyne2020 Farma2020


Indietro